Menu Chiudi

Come funzionano le nostre Playlist Spotify

Nel 2016, appena abbiamo aperto formalmente la nostra agenzia, dopo svariati anni di militanza nel mondo del music marketing come liberi professionisti o prestatori occasionali, abbiamo deciso di aprire delle nostre Playlist su Spotify, per consentire agli artisti di avere un luogo in cui poter far conoscere la propria musica agli utenti della nostra community.

Come funzionano le nostre Playlist Spotify

Nel 2016, appena abbiamo aperto formalmente la nostra agenzia, dopo svariati anni di militanza nel mondo del music marketing come liberi professionisti o prestatori occasionali, abbiamo deciso di aprire delle nostre Playlist su Spotify, per consentire agli artisti di avere un luogo in cui poter far conoscere la propria musica agli utenti della nostra community.

Attraverso una serie di campagne promozionali strategiche, nel corso degli anni abbiamo raggiunto man mano vari obbiettivi, portando prima le playlist ad avere 5000, 10000, 20000 follower e spingendoci poi a raggiungere i 100.000 follower totali.

Nel corso di questi anni abbiamo quindi consentito a migliaia di artisti di entrare in Playlist su Spotify tramite il nostro network…

Partiamo dal principio:

Come si crea una playlist su Spotify

Creare una playlist su Spotify, è un modo semplice per far conoscere la propria musica preferita, o una selezione ad hoc di musica ad altri utenti mettendo in relazione artisti e ascoltatori in maniera diretta, tramite una sorta di “consiglio” di ascolto.

Per creare una playlist su Spotify, non basta fare nient’altro che accedere con un account alla piattaforma e selezionare “Crea una Playlist”, con clic sinistro sulla sidebar a sinistra, da desktop, oppure dal tasto “+” in alto a destra della tua Libreria, da smartphone.

In questo modo, verrà creata una raccolta vuota, dove sarà possibile di volta in volta aggiungere dei brani.

Inoltre sarà possibile customizzare la copertina, il titolo e la descrizione della playlist per renderla immediatamente raggiungibile e riconoscibile da altri utenti.

Cos’è una playlist curatoriale privata?

Un curatore privato, come ad esempio un editore, un etichetta o un agenzia media, può creare una playlist, per raccogliere e catalogare i brani di cui ha possesso, offrire promozioni agli artisti del suo roster o agevolare sotto committenza altri artisti, nella promozione interna sulla piattaforma.

Le playlist private hanno quindi la potenzialità di offrire agli ascoltatori una selezione di musica indipendente, catalogata secondo vari angoli di ascolto.

A differenza delle playlist editoriali di Spotify, queste playlist, sono libere ed accessibili a tutti gli artisti e non necessitano di un pitch particolare e possono fare parte della catena editoriale di un brand.

Che cos’è un posizionamento editoriale?

Un posizionamento editoriale è un inserimento all’interno di uno spazio editoriale offerto gratuitamente o a pagamento che garantisce notorietà o copertura a chi decide di farne utilizzo.

Le nostre playlist, come tutte le playlist private su Spotify, al pari di un inserto giornalistico o di un post su un magazine digitale, costituiscono un posizionamento editoriale e hanno l’obbiettivo di aiutare gli artisti nella divulgazione della loro musica.

Vendere inserimenti in Playlist va contro le policy di Spotify?

Sebbene la questione sia annosa e non del tutto ancora risolta, vendere un posizionamento editoriale in una playlist privata su Spotify, non viola affatto le policy di Spotify.

La piattaforma di streaming, ha però nel corso degli anni cercato di disincentivare al massimo questo comportamento, in quanto ha riscontrato che molti curatori privati, per trarre maggiori profitti, hanno manipolato i dati di ascolto delle playlist, provvedendo a generare agli artisti migliaia di stream, di dubbia provenienza.

Difatto, molte delle playlist private su Spotify, nel corso degli anni sono state rimosse, in quanto i sistemi di detenzione di ascolti artificiali, hanno riscontrato questo tipo di atteggiamenti.

Un Brand può seguire gli utenti e creare e condividere playlist, a condizione che non intraprenda alcuna azione che implichi un’approvazione o una relazione commerciale tra il Brand e l’utente, l’artista, il compositore o qualsiasi altra persona seguita, a meno che il Brand non abbia ottenuto in modo indipendente il diritto di implicare tale approvazione. Inoltre, i Brand devono essere trasparenti con i nostri utenti in merito alla divulgazione di eventuali approvazioni o considerazioni fornite ad artisti, compositori, utenti o altre parti e devono rispettare tutte le leggi, le normative e i codici di condotta applicabili quando applicano le suddette pratiche.

Vendere un inserimento editoriale, non è un reato e non viola le policy Spotify!

Alterare gli ascolti generati da una playlist per indurre gli artisti a acquistare nuovamente inserimenti invece sì!

A tale riguardo, abbiamo deciso, in accordo con il Team Escalation di Spotify AB, di provvedere a fornire agli artisti, inserimenti editoriali, senza offrire alcuna garanzia riguardo gli ascolti generati dalle playlist, provvedendo al massimo una stima, sulla base degli ascolti generati su altri brani, con posizionamenti simili e stessa durata.

In questo modo, gli artisti accettano di garantirsi soltanto la durata temporale dell’inserimento, senza però avere alcuna garanzia di ascolto.

Garanzia che purtroppo, non può essere mai offerta, se gli ascolti generati provengono da utenti reali.

Perchè inserire la tua musica in una Playlist Spotify?

Inserire il tuo brano in una Playlist può aiutarti ad ottenere nuovi ascolti, fidelizzare nuovi ascoltatori e ti garantisce la copertura su un pubblico già fidelizzato e che molto probabilmente è alla ricerca di brani come il tuo!

Inserendo il tuo brano in Playlist inoltre, andrai a portare nuovi ascolti e nuovi salvataggi ai tuoi brani e potrai ottenere nuovi inserimenti in altre Playlist private, aumentando esponenzialmente la tua capacità di ottenere importanti risultati di ascolto e raggiungere considerazione organica e algoritmica su Spotify.

Come inserire un brano in una Playlist?

Per inserire un brano all’interno delle nostre Playlist, ti basta visitare la pagina del servizio Playlist Pitch e scegliere il tipo di posizionamento editoriale desiderato!

Qui trovi le nostre Playlist!

Ordinando il servizio, il tuo brano sarà inserito in Playlist nell’arco di 6 ore lavorative e per la durata stabilita dal servizio scelto!

Conclusioni

Inserire la tua musica all’interno delle nostre Playlist, ha aiutato e sta aiutando migliaia di artisti a ottenere maggiore considerazione su Spotify, portando gli artisti a sbloccare nuovi placement algoritmici, come la Radio, Fan Also Like e posizionamenti in Discover Weekly ed ad ottenere seguaci e pubblico fidelizzato per le prossime uscite.

Se vuoi ordinare un inserimento, visita la pagina Playlist Pitch oppure contattaci per maggiori informazioni tramite il tasto Whatsapp che trovi in basso a destra!

Il materiale contenuto in questo articolo è coperto da copyright pertanto la riproduzione totale o parziale è vietata. E' possibile utilizzare il testo parzialmente a patto che ne sia citata la fonte.

@ 2022 Novenovepi™ – Agenzia di promozione musicale online

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli recenti

Come funzionano le nostre Playlist Spotify

Nel 2016, appena abbiamo aperto formalmente la nostra agenzia, dopo svariati anni di militanza nel mondo del music marketing come liberi professionisti o prestatori occasionali, abbiamo deciso di aprire delle nostre Playlist su Spotify, per consentire agli artisti di avere un luogo in cui poter far conoscere la propria musica agli utenti della nostra community.

Vai all'articolo!
Apri la chat!
1
Scrivici! 😊
Ciao!
Ciao!
Per informazioni e curiosità o per organizzare una campagna promozionale, scrivici!